Retrato do autor

Stefano Bartezzaghi

Autor(a) de Lezioni di enigmistica

35+ Works 291 Membros 12 Críticas

About the Author

Includes the name: Stefani Bartezzaghi

Obras por Stefano Bartezzaghi

Lezioni di enigmistica (2001) 42 exemplares
Non se ne può più. Il libro dei tormentoni (2010) 19 exemplares, 3 críticas
Scrittori giocatori (2010) 13 exemplares, 1 crítica
Accavallavacca (1992) 10 exemplares
Rimario della lingua italiana (1993) 8 exemplares, 2 críticas
La posta in gioco (2007) 7 exemplares
M: una metronovela (2015) 3 exemplares
Senza distinzione. Di sesso, di razza, di lingua (2022) 2 exemplares, 1 crítica
SENZA DISTINZIONE 1 exemplar

Associated Works

Harry Potter and the Prisoner of Azkaban (1999) — Editor, algumas edições108,457 exemplares, 986 críticas
Harry Potter and the Goblet of Fire (2000) — Editor, algumas edições103,623 exemplares, 885 críticas
Pinóquio (1881) — Introdução, algumas edições8,497 exemplares, 140 críticas
The Broom of the System (1987) — Prefácio, algumas edições2,965 exemplares, 61 críticas
Exercises in Style (1943) — Tradutor, algumas edições2,602 exemplares, 52 críticas
Finnegans wake. Libro terzo, capitoli 3 e 4. Libro quarto (2019) — Prefácio — 2 exemplares

Etiquetado

Conhecimento Comum

Data de nascimento
1962-07-20
Sexo
male
Nacionalidade
Italy
País (no mapa)
Italia
Locais de residência
Milan, Italy

Fatal error: Call to undefined function isLitsy() in /var/www/html/inc_magicDB.php on line 425
Enigmista, scrittore, ludolinguista. Laureato in Discipline delle Arti e dello Spettacolo (Facoltà di Lettere e Filosofia di Bologna), con Umberto Eco. È figlio di Piero Bartezzaghi, un famoso enigmista, e fratello di Alessandro Bartezzaghi, redattore della Settimana Enigmistica, e di Paolo, redattore della Gazzetta dello Sport. Affermato ludolinguista, ha tenuto rubriche di giochi di parole in molti giornali e riviste. Attualmente collabora con La Repubblica presso cui cura la rubrica "Lessico & Nuvole".

Membros

Críticas

Testo in bilico fra linguistica e sociologia che consiglio a chiunque ritenga la creatività una delle chiavi interpretative del "fare meglio", indipendentemente dal campo di riferimento. Particolarmente riuscita la parte di testo che riguarda la nascita della mitologia della creatività negli anni '50 del secolo scorso, fondamentalmente a partire da un fraintendimento linguistico che ci ha fatti passare da "invenzione" a "creazione". Testo ben strutturato, anche se la prima parte (per me troppo lunga) mal si connette alla seconda, quanto a contenuti la più rilevante (anche se chiusa da un intervista un po' posticcia).… (mais)
 
Assinalado
d.v. | May 16, 2023 |
Anche Stefano Bartezzaghi sceglie di entrare nell'agone delle distinzioni più o meno artificiali nella lingua italiana: e lo fa a modo suo in questo libretto. L'introduzione riprende il suo vecchio testo "Mater ignota" pubblicato sulla rubrica Lessico e Nuvole il 3 maggio 2006, e che mostrava un tormentone con un insieme di parole che applicate ai maschi avevano in certo senso e messe al femminile si traducevano sempre - absit iniuria verbis - in "una mignotta". Da lì prende il via una disamina del terzo articolo della Costituzione, che comincia affermando «Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, [...]» Cominciando con la parte apparentemente più semplice, Bartezzaghi fa notare che anche se si espungesse dal testo la parola "razza" non è che il razzismo sparirebbe. (Lui lo dice meglio di me e lo spiega anche dal punto di vista semiotico.) Ma più in generale, spiega, la lingua è fatta da distinzioni, che possono essere neutre oppure diventare oppositive, e caricarsi di valori morali: si parla di assiologia. Insomma, se non ho capito male, limitarsi a cambiare le parole senza considerare tutto quello che c'è dietro di esse non porterà mai a grandi risultati...… (mais)
 
Assinalado
.mau. | Jul 6, 2022 |
Stefano Bartezzaghi continua nella sua immane opera di costruire una semiotica della creatività. Con questo suo nuovo lavoro comprendiamo meglio perché il suo libro precedente si intitolasse Banalità: in un certo senso banalità ("quello che conosce tutto il ban, il villaggio") e creatività sono due facce della stessa medaglia, come l'ossimoro "sii creativo!" ci fa capire.
Vi avviso subito: nonostante lo stile di scrittura di Bartezzaghi sia chiaro e spesso anche leggero, e nonostante ci sia un utilissimo glossario in appendice sul significato dei termini da lui usati in modo tecnico e indicati in corsivo nel testo (ma ci avvisa che esso non deve essere affatto considerato anche solo un embrione di dizionario di semiotica...) il libro non è di facile lettura se come me non ne sapete molto di semiologia. Insomma, non pensate che sia una lettura da spiaggia, ma prendetevi il tempo necessario per leggerlo e assaporarlo: ne vale la pena!… (mais)
 
Assinalado
.mau. | Jan 4, 2022 |
Mi pare solo il minimo che Stefano Bartezzaghi, dopo avere scritto libri sulla creatività, guardi l'altra faccia della medaglia: la banalità. In realtà questo libro non parla solo di banalità, ma più in generale cerca di dare un'idea di come la banalità sia spesso nelle orecchie di chi la ascolta. Per i miei gusti c'è un po' troppa semiotica - il Bartezzaghi Vero Saggista può anche essere un po' troppo pesante - ma il primo capitolo "Su bucce di banale", il quinto "Banal Network" che guarda alla banalità nei social network e il sesto "Per un'Enciclopedia di luoghi comuni III" meritano sicuramente l'acquisto.… (mais)
 
Assinalado
.mau. | Dec 20, 2019 |

You May Also Like

Associated Authors

Estatísticas

Obras
35
Also by
6
Membros
291
Popularidade
#80,411
Avaliação
½ 4.4
Críticas
12
ISBN
37
Línguas
1

Tabelas & Gráficos