Picture of author.

Dino Buzzati (1906–1972)

Autor(a) de The Tartar Steppe

264+ Works 6,468 Membros 166 Críticas 29 Favorited

About the Author

Born in Belluno in the region of Veneto, in northern Italy, Dino Buzzati received his law degree from the University of Milan, but never practiced law. Beginning in 1928, he worked as an editor and journalist for the Milanese daily newspaper Il Corriere della Sera. His first work of fiction, mostrar mais Barnabo delle montagne (Barnaby of the Mountains) (1933), established Buzzati as an inventive writer who evoked the mysteries of ordinary life. Buzzati never linked himself to any literary movement or style, preferring to seek the fantastic and the extraordinary in his often commonplace characters and locales. A talented short story writer, Buzzati published most of his short fiction in Sessanta Racconti (1958), which was partially translated into English as Catastrophe. Here, Buzzati increasingly employs urban settings where machines, instead of quasi-mythical monstrous beings, populate a supernatural world. Buzzati died in 1972. (Bowker Author Biography) mostrar menos

Obras por Dino Buzzati

The Tartar Steppe (1940) 2,511 exemplares
The Bears' Famous Invasion of Sicily (1945) — Autor — 539 exemplares
Le K (1966) 378 exemplares
Un amore (1963) 373 exemplares
La boutique del mistero (1968) 279 exemplares
Sessanta racconti (1990) — Autor — 270 exemplares
Poem Strip (1969) 223 exemplares
Il segreto del bosco vecchio (1991) 195 exemplares
Barnabo delle montagne (1968) 99 exemplares
Catastrophe and Other Stories (1966) 91 exemplares
L'opera completa di Bosch (1966) 75 exemplares
De Ronde van Italië (1949) 73 exemplares
Larger than Life (1960) — Autor — 72 exemplares
I sette messaggeri (1942) 56 exemplares
Il crollo della Baliverna (1955) 50 exemplares
Paura alla Scala (1949) 43 exemplares
Le rêve de l'escalier (1973) 39 exemplares
De hond die God heeft gezien (1956) 36 exemplares
Il reggimento parte all'alba (1985) 36 exemplares
Siamo spiacenti di (1975) 31 exemplares
I misteri d'Italia (1978) 27 exemplares
Il meglio dei racconti (1989) 26 exemplares
Bosch (2003) 21 exemplares
Cronache terrestri (1995) 20 exemplares
Bestiaire magique (1991) 19 exemplares
In quel preciso momento (1963) 18 exemplares
Opere scelte (1998) 18 exemplares
I miracoli di Val Morel (2012) 17 exemplares
Nouvelles inquiètes (2006) 16 exemplares
Romanzi e racconti (1975) 13 exemplares
Nouvelles Oubliees (2009) 11 exemplares
Siete plantas (2018) 10 exemplares
Novelle del novecento: an anthology (1966) — Contribuidor — 10 exemplares
Lettere a Brambilla (1985) 9 exemplares
De betoverde burger (1948) 9 exemplares
Teatro (1980) 9 exemplares
Le cronache fantastiche (2003) 7 exemplares
Le storie dipinte (2013) 7 exemplares
POEMA A FUMETTI - DINO BUZZATI (2017) 7 exemplares
Cronache nere (1900) 6 exemplares
The Singularity (2024) 5 exemplares
The Time Machine [short story] (1954) 5 exemplares
Hajtóvadászat öregekre (1974) 5 exemplares
Die Mauern der Stadt Anagoor (1987) 4 exemplares
Lascia o raddoppia: racconti (1993) 4 exemplares
Montagnes de verre (1991) 4 exemplares
Poemat w obrazkach (2019) 4 exemplares
I dispiaceri del re (2014) 4 exemplares
I capolavori (2005) 4 exemplares
Yasli Ormanin Gizemi (2014) 4 exemplares
L'uccisione del drago (1973) 3 exemplares
L'Umiltà ed altri racconti (1993) 3 exemplares
Naquele Exato Momento (2004) 3 exemplares
Tanrı görmüş köpek (1995) 3 exemplares
Il golf (2013) 3 exemplares
O Grande Retrato 3 exemplares
Láska ; Tatarská pouššť (1989) 3 exemplares
Sieben Erzählungen 3 exemplares
Oeuvres de Dino Buzzati (1995) 3 exemplares
Oeuvres : Tome 2 (2006) 2 exemplares
As Montanhas São Proibidas (1993) 2 exemplares
ECROULEMENT BALIVERNA (1984) 2 exemplares
il libro delle pipe (1966) 2 exemplares
Gruaja me flatra 2 exemplares
Due poemetti 2 exemplares
Daglarin Adami Barnabo (2010) 2 exemplares
Il giornale segreto 2 exemplares
Una goccia e altri racconti (1996) 2 exemplares
Con il papa in terrasanta (2014) 2 exemplares
Schlachtschiff Tod 2 exemplares
La creazione (in Il colombre) (2015) 2 exemplares
Parole e colori 2 exemplares
石の幻影―短編集 (1998) 2 exemplares
Hieronymus Bosch 2 exemplares
La fine del borghese (1968) 2 exemplares
Veći od života 1 exemplar
La «nera». Nuova ediz. (2020) 1 exemplar
Buzzati Dino 1 exemplar
Buzzati pittore 1 exemplar
Six pièces en un acte (1992) 1 exemplar
Noites Difíceis, As (2007) 1 exemplar
El arma secreta 1 exemplar
Poème bulles (1970) 1 exemplar
Le poesie 1 exemplar
Szescdziesiat opowiadan (2021) 1 exemplar
RENIA E SHENJTORIT 1 exemplar
NETET E VESHTIRA 1 exemplar
Tanriyi Gören Köpek (2015) 1 exemplar
Ένας έρωτας (2018) 1 exemplar
Il grande ritratto 1 exemplar
I sette messaggeri 1 exemplar
Paura della scala 1 exemplar
Poema a fumetti 1 exemplar
Un caso clinico 1 exemplar
I topi (2017) 1 exemplar
HI Isette messaggeri (2002) 1 exemplar
Bosch festői életműve (1994) 1 exemplar
BIR ASK 1 exemplar
Racconti e romanzi 1 exemplar
La spada 1 exemplar
Incubi 1 exemplar
Crimini e misteri 1 exemplar
Das alte Hotel (1958) 1 exemplar
Die Lektion des Jahres 1980 (1962) 1 exemplar
Orphi und Eura (1970) 1 exemplar
Il "Bestiario" 1 exemplar
Mystères à l'italienne (2014) 1 exemplar
Cahiers Buzzati, tome 2 (1978) 1 exemplar
Chroniques de la Guerre Sur Mer (1992) — Autor — 1 exemplar
Gerundio 1 exemplar
Esmeralda 1 exemplar
Poème bulles 1 exemplar
L’Arme secrète 1 exemplar

Associated Works

The Weird: A Compendium of Strange and Dark Stories (2011) — Contribuidor — 822 exemplares
The Science Fiction Century (1997) — Contribuidor — 531 exemplares
The World of the Short Story: A 20th Century Collection (1986) — Contribuidor — 463 exemplares
Sudden Fiction International: Sixty Short-Short Stories (1989) — Contribuidor — 213 exemplares
The Penguin Book of Italian Short Stories (2019) — Contribuidor — 139 exemplares
Mystery Stories: An Intriguing Collection (1996) — Contribuidor — 88 exemplares
The Road to Science Fiction #6: Around The World (1998) — Contribuidor — 47 exemplares
Italy: A Traveler's Literary Companion (2003) — Contribuidor — 45 exemplares
Found in Translation (2018) — Contribuidor, algumas edições36 exemplares
One World of Literature (1992) — Contribuidor — 24 exemplares
The Mammoth Book of 20th Century Science Fiction: Volume Two (1997) — Contribuidor — 23 exemplares
Vestenfor måne : 56 fantastiske fortellinger fra hele verden (1972) — Contribuidor — 16 exemplares
Relatos italianos del Siglo XX (1974) — Contribuidor — 13 exemplares
Parabola: Myth and the Quest for Meaning, Vol. 8, No. 2: Animals (1983) — Contribuidor — 10 exemplares
Italiaanse verhalen (1961) — Contribuidor — 10 exemplares
Modern Italian Short Stories (1954) — Contribuidor — 6 exemplares
Italien erzählt : elf Erzählungen — Autor — 5 exemplares
Racconti di cinema (2014) — Contribuidor — 3 exemplares
El cuento literario (2008) — Contribuidor — 2 exemplares
Antaeus No. 34, Summer 1979 — Contribuidor — 1 exemplar
S-Fマガジン 1966年04月号 (通巻80号) — Contribuidor; Ilustrador — 1 exemplar

Etiquetado

Conhecimento Comum

Nome canónico
Buzzati, Dino
Nome legal
Buzzati Traverso, Dino
Data de nascimento
1906-10-16
Data de falecimento
1972-01-28
Sexo
male
Nacionalidade
Italië
País (no mapa)
Italy
Local de nascimento
San Pellegrino di Belluno, Veneto, Italië
Local de falecimento
Milaan, Lombardije, Italië
Causa da morte
cancer
Locais de residência
San Pellegrino di Belluno, Veneto, Italië | geboorteplaats
Educação
University of Milan
Ocupações
Romanschrijver
Journalist
Organizações
Corriere della Sera
Prémios e menções honrosas
Premio Napoli, Premio Strega (1958)

Fatal error: Call to undefined function isLitsy() in /var/www/html/inc_magicDB.php on line 425
Dino Buzzati Traverso nasce nel 1906 vicino Belluno, da una famiglia dell'agiata borghesia: il padre insegna Diritto internazionale all'Università di Pavia, la madre, veneziana, è sorella dello scrittore Dino Mantovani, assai noto nell'ultimo Ottocento. La villa bellunese è il fulcro della sua infanzia e l'origine dell'universo fanta-reale dello scrittore, con la sua suggestiva biblioteca, il granaio misteriosamente abitato dallo spirito di un antico fattore.
Frequenta il liceo classico Parini di Milano e si laurea in Giurisprudenza con una tesi su La natura giuridica del Concordato.

Compie il servizio militare come ufficiale di complemento e, nel 1928, entra, come cronista, al «Corriere della Sera», giornale che non abbandonerà fino alla fine dei suoi giorni. Nel 1933 pubblica il suo primo romanzo Bàrnabo delle montagne, racconto lungo che racchiude quelli che saranno i temi cari alla sua poetica. Due anni dopo viene dato alla stampa Il segreto del Bosco Vecchio favola vagamente allegorica che passa quasi inosservata, dato il difficile momento politico europeo. Nel 1939, il giornale lo manda in Etiopia, come inviato speciale: un anno più tardi, Buzzati pubblica quello che viene considerato il suo capolavoro narrativo: Il deserto dei Tartari. Quello stesso anno si imbarca come corrispondente di guerra.

Nel 1942 pubblica I sette messaggeri, una raccolta di novelle che comprende Sette piani, angosciante viaggio all'interno della decadenza fisica e della morte, presagio di quella che sarà la sua stessa fine. È la volta, nel 1945, della favola per bambini La famosa invasione degli orsi in Sicilia e de Il libro delle pipe dopo i quali, per ben quindici anni, Dino Buzzati scriverà solo racconti, opere letterarie, libretti teatrali, divagazioni diaristiche (per citarne alcuni: Paura alla Scala, Il crollo della Baliverna, con cui vincerà il premio Napoli, ex aequo con Cardarelli; Ferrovia sopraelevata, racconto musicale in sei episodi; In quel preciso momento).

Nel 1958 vince il Premio Strega con il libro Sessanta racconti. Nel 1960 pubblica Il grande ritratto, esperimento di romanzo fantascientifico, non molto riuscito dal punto di vista letterario, ma importante dal punto di vista tematico, poiché segna l'inizio dell'esplorazione di un nuovo tema: quello della femminilità, fino a quel momento avulso dalle opere dello scrittore o, quantomeno, marginale. Sembra il preludio del romanzo che Buzzati pubblicherà tre anni dopo, nel 1963: Un amore. Forse vagamente autobiografico, certamente diverso dalle altre opere, oggetto di critiche severe e da parte dei suoi detrattori e da qualche suo lettore: come Antonio Dorigo, il protagonista della vicenda, che incontra l'amore a cinquant'anni, Dino Buzzati prenderà moglie in età alquanto avanzata, a sessant'anni.

Nel 1965 esce Il capitano Pic e altre poesie, prima esperienza poetica di Buzzati.

A fianco dell'attività giornalistica e letteraria del grande scrittore, ebbe un certo rilievo quella pittorica: autore di bozzetti e di dipinti vari, Buzzati partecipa a numerose mostre, dichiarando di considerare la pittura non come un hobby ma come il proprio mestiere. In un discorso autoironico, pubblicato nel catalogo della galleria d'arte Cavalletto, nel 1968, afferma che «Dipingere e scrivere per me sono in fondo la stessa cosa. Che dipinga o scriva, io perseguo il medesimo scopo, che è quello di raccontare delle storie». Con Poema a fumetti vincerà il premio Paese Sera, nel 1970. Nel 1971 raccoglie in un volume alcuni fra i suoi elzeviri, intitolandolo Le notti difficili. Mentre già lo assedia la terribile malattia che lo porterà alla morte il 28 Gennaio del 1972.

Membros

Discussions

Group Read, August 2016: The Tartar Steppe em 1001 Books to read before you die (Agosto 2016)

Críticas

Buon libro sul rapport fra Buzzati e le Dolomiti, molto stretto, molto raccontato e in questo catalogo razionalizzato (in parte).
 
Assinalado
sbaldi59 | Apr 13, 2024 |
Sterren voor het mooie slotwoord
 
Assinalado
mavave | 1 outra crítica | Feb 14, 2024 |
Poema a fumetti è quello che oggi chiameremmo un retelling, cioè una rivisitazione del mito di Orfeo ed Euridice: parrebbe niente di che, a parte l’immensità di un’opera capace di colpire chi legge a ogni pagina.

Dico: ma qui che cosa vi manca?
Quasi niente. Da qualche tempo
hanno messo perfino la tv a colori.
Però manca il più importante:
la libertà di morire.


Penso che questa sia una delle opere più belle che abbia mai letto sulla morte – e di conseguenza sulla vita. Per descrivere Poema a fumetti mi verrebbe da scrivere una sfilza di aggettivi tale da far impallidire qualunque espertə di scrittura: quindi, per la loro salute, mi limiterò a usarne uno solo. Umano. Buzzati, con le sue parole e i suoi disegni, riesce a farci sentire la nostra umanità, a farcene dolere e a farcene rallegrare allo stesso tempo.

Non è che soffrissero anzi erano solamente hop hop
solamente vuoti perché marciavano camminavano
cosavano ma la strada non finiva mai


Vista la disillusione con la quale Buzzati guarda all’eternità dopo la morte, non mi sorprende il suo ateismo (e se il tema vi affascina non solo da un punto di vista religioso, vi consiglio L’infinito di John D. Barrow). L’infinito è un concetto strano, ci sembra familiare, e anche rassicurante a volte, ma allo stesso tempo nasconde delle insidie: ecco, Buzzati ci racconta molto di queste ultime, di quanto non avere un’ultima porta, ma un infinito aldilà non sia quella condizione desiderabile che saremmo portatə a credere.

Oh, la perduta angoscia, gli incubi, l’angustia, i dolori sociali perduti
tutti sani, qui, uguali, appagati.
Cara infelicità!
… (mais)
 
Assinalado
lasiepedimore | Jan 11, 2024 |

Listas

Prémios

You May Also Like

Associated Authors

Nino Palumbo Contributor
Mario Soldati Contributor
Giuseppe Cassieri Contributor
Carlo Cassola Contributor

Estatísticas

Obras
264
Also by
25
Membros
6,468
Popularidade
#3,800
Avaliação
4.0
Críticas
166
ISBN
491
Línguas
28
Marcado como favorito
29

Tabelas & Gráficos