Picture of author.

Leon Uris (1924–2003)

Autor(a) de Exodus

49+ Works 19,358 Membros 262 Críticas 55 Favorited

About the Author

Writer Leon Uris was born in Baltimore on August 3, 1924. He dropped out of school to join the Marines during World War II, but later returned to attend Baltimore City College. His first novel, Battle Cry (1953), was based on his time as a marine. He followed it with a series of New York Times mostrar mais bestsellers, including The Angry Hills, Exodus, Topaz, and Trinity. QB VII was adapted into a TV mini-series starring Ben Gazzara and Anthony Hopkins. Uris has also written non-fiction (including Ireland: A Terrible Beauty and Jerusalem: Song of Songs) and screenplays (Battle Cry and Gunfight at the O. K. Corral). He has won the John F. Kennedy Memorial Award from the Irish-American Society and the Scopus Award from the Hebrew University in Jerusalem. (Bowker Author Biography) mostrar menos
Image credit: Leon Uris

Séries

Obras por Leon Uris

Exodus (1958) 4,197 exemplares
Trinity (1976) 3,041 exemplares
Mila 18 (1961) 1,879 exemplares
QB VII (1970) 1,754 exemplares
The Haj (1984) 1,634 exemplares
Armageddon: A Novel of Berlin (1963) 1,033 exemplares
Topaz (1963) 880 exemplares
Battle Cry (1953) 873 exemplares
Redemption (1995) 866 exemplares
Mitla Pass (1988) 772 exemplares
A God in Ruins (1999) 595 exemplares
The Angry Hills (1955) 431 exemplares
O'Hara's Choice (2003) 414 exemplares
Ireland: A Terrible Beauty (1975) 339 exemplares
Exodus [1960 film] (1960) — Writer — 112 exemplares
Exodus Revisited (1960) 100 exemplares
Strike Zone (1967) 80 exemplares
Gunfight at the O.K. Corral [1957 film] (1957) — Screenwriter — 55 exemplares
Exodus; Mila 18; QB VII (1984) 33 exemplares
Exodus: Volume Two (1958) 19 exemplares
QB VII [1974 TV mini series] (1993) — Original book — 17 exemplares
Exodus: Volume One (1971) 16 exemplares
Trinity, Part 1 of 2 (1976) 14 exemplares
Battle Cry [1955 film] (1955) — Original novel/Screenwriter — 12 exemplares
The Haj, Part 1 of 2 (1984) 7 exemplares
Mila 18: Volume Two (1979) 6 exemplares
Trinity, Part 2 of 2 (1976) 6 exemplares
QB VII + Topaz (1979) 5 exemplares
The Haj, Part 2 of 2 (1984) 5 exemplares
Redemption Part 1 of 2 (1995) 4 exemplares
[unidentified works] 3 exemplares
Redemption Part 2 of 2 (1995) 3 exemplares
Mila 18: Volume One (1979) 3 exemplares
Topaz / Armageddon (1988) 2 exemplares
Milta Pass; Exodus; Mila 18 (1989) 2 exemplares
The Hope 1 exemplar
The Spy Catchers 1 exemplar
Armaghedon (2001) 1 exemplar
Trinity / The Haj (1984) 1 exemplar
QB VII: Volume One 1 exemplar
Armageddon, Part 1 (1974) 1 exemplar
Armageddon, Part 2 1 exemplar

Associated Works

Great Spy Stories From Fiction (1969) — Contribuidor, algumas edições76 exemplares
Topaz [1969 film] (1969) — Original novel — 70 exemplares
American Men at Arms (1964) — Contribuidor — 10 exemplares
The Angry Hills [1959 film] (1959) — Original novel — 3 exemplares

Etiquetado

Conhecimento Comum

Nome canónico
Uris, Leon
Nome legal
Uris, Leon Marcus
Data de nascimento
1924-08-03
Data de falecimento
2003-06-21
Localização do túmulo
Quantico National Cemetery, Quantico, Virginia USA
Sexo
male
Nacionalidade
Amerika
Local de nascimento
Baltimore, Maryland, Amerika
Local de falecimento
Long Island, New York, Amerika
Causa da morte
kidney failure
Locais de residência
Baltimore, Amerika
Long Island, New York, Amerika
Ocupações
writer
journalist
Relações
Uris, Jill
Organizações
US Marine Corps(WWII)
Prémios e menções honrosas
Harry and Ethel Daroff Award(1959)
National Institute of Arts and Letters Grant(1959)
California Literature Silver Medal Award( [1962])
California Literature Gold Medal Award(1965 ∙ for Armageddon)
Irish/American Society of New York John F. Kennedy Medal(1977)
Eire Society of Boston Gold Medal(1978) (mostrar todos 10)
State of Israel Jobotinsky medal(1980)
Concord Academy Hall fellowship(with wife ∙ Jill Uris ∙ 1980)
Hebrew University of Jerusalem Scopus award(1981)
Honorary doctorates: University of Colorado, 1976; Santa Clara University, 1977; Wittenberg University, 1980; Lincoln College, 1985[1976, 1977, 1980, 1985]

Fatal error: Call to undefined function isLitsy() in /var/www/html/inc_magicDB.php on line 425
Leon Uris was a best-selling novelist known especially for doing deep research into his topics. He was a high school dropout who enlisted in the U.S. Marines at age 17 during World War II, serving in the South Pacific. His writing career began with short stories, and he published his first novel in 1953. Although not well appreciated by literary critics, his works were popular successes and introduced readers to many important social causes and historical events such as the Warsaw Ghetto uprising.

Membros

Discussions

_Exodus_ by Leon Uris - a Group Read in May em 75 Books Challenge for 2013 (Junho 2013)

Críticas

I desperately wanted a book that explained the foundations of Israel in historical fiction terms snd this book does so wonderfully. But it is more propaganda than historical fiction. All Arabs are smelly, backward and dishonest. All Jews are heroic with God on their side. And there are some out and out lies. There was a ship Exodus filled with Jewish refugees that was not allowed to disembark in Israel but it was not filled solely with children who were holocaust victims who went on hunger strike. This exaggeration made me doubt other claims in the book. Were the Middle East leaders all Nazi sympathisers? Did Israel really have so few arms?

That said, I learnt a lot. It’s just I want to know even more.

It was written in the fifties when the narrative was more about why Israel should exist. Nowadays everyone but HAMAS and Corbynites believes it should but we want more about how it can do so peacefully.
… (mais)
 
Assinalado
mumoftheanimals | 65 outras críticas | Apr 15, 2024 |
Scrittore prolifico di romanzi di successo pregni dell'interpretazione sionista della storia ebraica moderna, Leon Uris (1924 - 2003) nel 1958, anno di pubblicazione di “Exodus” (Mondadori, 1961), era già stato un corrispondente della guerra in Medioriente tra arabi ed israeliani. L’enciclopedico lavoro di questo autore (quasi 750 pagine nella prima edizione Oscar Mondadori raccolte in due volumi indivisibili) ha catturato attenzione ed immaginazione di migliaia di lettori, tanto da essere diventato un best seller mondiale, secondo solo a “Via col vento” e tradotto sin da subito in oltre 60 lingue. Il regista Otto Preminger nel 1960 ne trasse persino un film in cui Paul Newman recitava la parte di Ari Ben Canaan, uno dei protagonisti principali, ispirato, si mormora alla vita ed alla storia di Yitzhak Rabin.

Senza entrare nel merito del “da che parte sta la storia”, fermo il postulato che in questa ormai perpetua lotta tra palestinesi e israeliani il bene ed il male non stanno per intero da nessuna delle due parti, credo che questo sia un buon libro, offra più spunti di riflessione e che vada quindi letto. Con le dovute pause s’intende, data la sua mole. Sfogliato e consumato indipendentemente da come ci si è schierati nella contrapposizione tra le ragioni delle due parti in causa, perché esso nasconde tra le sue pieghe qualche risposta alle domande che inevitabilmente ci si pone leggendo narrazioni quali “Ogni mattina a Jenin” di Susan Abulhawa (2011 Feltrinelli) oppure “Fuga dall’inferno. Una storia palestinese” di Mischa Hiller (Newton, 2010).

La scrittura, nonostante la densità di parole, di persone, eventi, scivola abbastanza fluida. Chi non è riuscito ad andare oltre le prime pagine, evidentemente non ha capito sin dalla scelta sullo scaffale, di cosa questo libro parlasse. Uris sceglie, infatti, un episodio che si colloca, nella storia di Israele, potremmo dire in un’epoca di mezzo, quella dell’immediato secondo dopoguerra, quella che per molti è l’inizio di tutto, ma che di fatto, e sarà questo libro a rivelarlo, è tutt’altro che il principio. Exodus (in memoria dell’esodo biblico) è il nome di una nave, una “carretta del mare” che, nel 1947, alla vigilia della nascita dello Stato di Israele, è riattata per far “evadere” dai campi di internamento di Cipro (in cui gli inglesi rinchiudevano gli ebrei per non farli approdare nel loro bel Protettorato di Palestina) un gruppo di bambini ebrei verso la “Terra Promessa”. La partenza della nave è ostacolata dagli Inglesi, ma essa riuscirà comunque a salpare, grazie al coraggio di alcuni personaggi, primo tra i quali Ari Ben Canaan, personalità su cui fa perno l’intero romanzo.

Uris fa bene il suo mestiere e non cade nel tranello della redazione accademica di un saggio storico, ma affida la sua idea della saga popolare e nazionalista ad uno stile che tanto ci riporta ai libri di Dominique Lapierre e Larry Collins, navigati giornalisti d’inchiesta noti al grande pubblico per libri quali “Gerusalemme! Gerusalemme!” (Mondadori, 1972) o “Parigi brucia”. La vicenda dell’Exodus trae ispirazione da eventi realmente accaduti, ma quei fatti l’autore li usa soprattutto per costruire l’intera epica della storia d'Israele. Il viaggio della nave verso la Palestina dunque, diventa il pretesto sul quale Uris tesse il suo racconto. Una storia che si dirama in infinite direzioni seguendo le vite, le sofferenze, le gioie, le aspirazioni dei personaggi che animano la vicenda Exodus, Uomini e donne le cui vite romanzate, ispirate certamente ad esperienze reali, attraversano complesse saghe familiari e tracciano quel percorso che inizia con i feroci pogrom nella cosiddetta "zona di residenza" ebraica in Russia, nel quarantennio compreso tra il 1881 e il 1921, e quelli che infiammarono l’atmosfera polacca e dell’est europeo. Persecuzioni che diedero vita alla prima ondata di emigrazione degli ebrei verso la Palestina, un “ritorno” iniziato dunque assai prima dell’Olocausto nazista.

Leon Uris amalgama gli ingredienti base della saggistica divulgativa con l’esposizione dei fatti politici e storici utilizzando gli stereotipi della grande commedia con cui veste i suoi personaggi di emotiva drammaticità o di esaltazione patriottica. Lo fa attraverso dialoghi semplici che arrivano in modo diretto al lettore. Scivola, con disinvoltura, sulla linea del tempo. Passa dalla Francia di fine ‘800, citando Alfred Dreyfus e con lui Thedor Herzl, alla nascita del sionismo. Ci parla del Fondo Nazionale Ebraico che acquistava terreni in Palestina e poi cambia scenario con la storia familiare dei fratelli Rabinsky, pionieri della colonizzazione, giunti a piedi come Mosè nella terra dei padri. Racconta dei patimenti dei campi di concentramento, dello sterminio di massa, delle menti sconvolte dei sopravvissuti, ma anche della dichiarazione Balfour e del tradimento continuo, costante, perseverante dell’Inghilterra. Ma, intendiamoci bene, non lo fa attraverso una narrativa astratta trasfusa di ricostruzioni storiche. Egli punta più all’intimismo esperienziale dei personaggi che animano il libro per coinvolgere chi legge. Così riesce a stimolare, avvincere e commuovere in modo sorprendente.

E in questa commozione che Leon Uris astutamente cerca di farci intravvedere il limes tra buoni e cattivi. Salvo qualche sporadico episodio di “arabi buoni” (spazzati però via poi dagli eventi che si susseguono) ce ne sono pochi, anzi pochissimi. Gli arabi di “Exodus” sono in maggioranza inaffidabili, doppiogiochisti, truffaldini, codardi, maldicenti, pigri, assassini, ladri e stupratori. Oppressori degli ebrei già più volte oppressi. Uris ci mostra il ghetto di Varsavia, il ponte aereo di Berlino, la campagna del Sinai, massacri e scorribande musulmane, la causa sionista, offrendocene quasi (benché il libro sia stato pubblicato nel 1958) il ritratto di un’identità ebraica moderna in cui però il lettore informato faticherà a scorgere, soprattutto nella seconda parte del romanzo, il pio ebreo non violento che sa accettare il destino che Dio ha scelto per lui. C’è una dicotomia opprimente tra l’ebreo perseguitato da secoli e l’israeliano che rivendica il diritto d’esistere come tale e non a caso ho utilizzato i due termini.

In tutto ciò, tra le righe, ho colto una risposta ad un quesito che nell’odierna geopolitica del Medio Oriente più volte mi sono posto. Come è possibile che chi è stato oggetto di una persecuzione tanto disumana da dover coniare un termine per descriverla, possa a posteriori adottare un comportamento altrettanto persecutorio nei confronti di un altro popolo? Quanto “Exodus” racconta potrebbe offrire già a metà del libro una risposta: l’esasperazione, la sofferenza, la sovrapposizione di eventi persecutori reiterati nel tempo? Non basta. Suona come una semplificazione tutt’altro che esaustiva, anzi sarebbe forse cedere senza lottare alla capacità persuasiva di Uris circa il teorema post olocausto, ancora oggi adottato per rispondere ad ogni critica ad Israele con l’accusa di antisemitismo. Mi sono persuaso invece, nel leggere di queste oceaniche masse di bambini senza più genitori (migliaia) e traumatizzati al punto da esser orfani di se stessi, che tali maree umane piombate in Palestina dopo la Seconda Guerra Mondiale, abbiano rappresentato la cellula staminale su cui si è poi sviluppata la società israeliana attuale. Una cellula cresciuta e replicata, ma sarebbe meglio dire adottata e istruita, in kibbutz militarizzati ed assediati, in cui la formazione era di tipo paramilitare, alimentata dalla cultura fortemente nazionalista della terra promessa rogitata per volere divino dai dogmi religiosi che hanno eletto questa generazione a popolo scelto dalla divinità. Ma questa è chiaramente una mia idea, che poco ha a che vedere con quello che sarà il giudizio della Storia.

Certo è che la ricchezza di contenuti pare confermare quanto l’autore ha scritto del suo lavoro: di aver viaggiato per dodicimila miglia all'interno di Israele ed aver intervistato oltre un migliaio di persone, anche se, come qualche critico ha affermato, Uris non ha mai detto quante di loro fossero palestinesi. Di sicuro qualche americano lo ha ascoltato, quanto perché nel libro due personaggi chiave (il giornalista Mark Parker e l’infermiera Kitty Fremont) sono il ritratto perfetto dell’americano buonista votato alle cause altrui, ma soprattutto devoto alla causa dello stato ebraico. C’è persino l’anziana ed iperattiva filantropa sionista, Harriet Saltzman organizzatrice della Alyat Giovanile (giusto per ritornare agli orfani), che tanto si fatica a non associare alla benefattrice d’oltreoceano Rebecca Seizling, facoltosa ebrea, simbolo del generoso ed interessato sionismo a stelle e strisce che compare in “Adamo risorto” di Yoram Kaniuk (Theoria, 1995). Libro, quest’ultimo, in cui l’interprete Adam Stein, a cui fu risparmiata la camera a gas per poter intrattenere come “pagliaccio” migliaia di altri ebrei mentre marciavano verso la morte, tanto ci ricorda Dov Landau, scampato ai lager e risorto tra le file degli audaci combattenti israeliani di “Exodus”.

Da leggere quindi. Lasciandoci trasportare sull’onda dell’emozione. In fondo è questo che chiediamo più d’ogni altra cosa ad un libro. Ma senza cadere nei tranelli di una propaganda che, volenti o nolenti, quando si parla di Palestina strizza sempre l’occhio per una parte o per l’altra. Una sola certezza su cui tutti saranno d’accordo alla fine del libro: la figura peggiore la fanno senza alcun dubbio gli inglesi.
… (mais)
 
Assinalado
Sagitta61 | 65 outras críticas | Mar 16, 2024 |
great story of the Middle East
 
Assinalado
dlinnen | 27 outras críticas | Feb 3, 2024 |
Exodus ist der Titel eines 1958 erschienenen Romans des jüdisch-amerikanischen Schriftstellers Leon Uris um die Entstehungsgeschichte des Staates Israel.

Der Roman erschien erstmals 1958 in New York in englischer Sprache. Das Buch wurde in über 50 Sprachen übersetzt. Die deutsche Ausgabe in einer Übersetzung von Hans Egon Gerlach wurde ebenfalls 1958 im Kindler-Verlag veröffentlicht.

Namensgebend war das Schiff Exodus 1947, mit dem 1947 über 4000 jüdische Flüchtlinge nach Palästina gelangen wollten. Der Name spielt aber auch auf das Buch Exodus an, das den Auszug der Israeliten unter der Führung von Moses aus Ägypten und die Rückkehr ins Gelobte Land beschreibt. Weitere historische Ereignisse, die in die Handlung des Romans miteingeflossen sind, sind die La-Spezia-Affäre, der Bombenanschlag auf das König David Hotel und der Gefängnisausbruch von Akko.

Uris orientiert sich in der Haupthandlung an dem tatsächlichen Geschichtsverlauf. Allerdings beansprucht er ein großes Maß an literarischer Freiheit. In Rückblenden wird anhand von Einzelschicksalen die Lage der Juden im besetzten Dänemark, im Deutschland nach Hitlers Machtergreifung, im Warschauer Ghetto und im Konzentrationslager Auschwitz beschrieben.

Die Handlung setzt im November 1946 ein und endet 1949 nach dem ersten israelisch-arabischen Krieg. 1946 sind auf Zypern jüdische Flüchtlinge in einem britischen Internierungslager untergebracht. Die Hauptpersonen des zeitgeschichtlichen Romans Ari Ben Kanaan und Kathrine Fremont, deren Liebesgeschichte erzählt wird, treffen hier aufeinander und der Leser erfährt die wichtigsten Details ihrer Vorgeschichte.

Im Verlauf der Handlung werden mehrere Nebenstränge aus der Vergangenheit verschiedener Akteure erzählt. So stammen der Vater und Onkel von Ari Ben Kanaan ursprünglich aus einem Schtetl aus dem ehemaligen russischen Kaiserreich. Sie stehen stellvertretend für viele Juden aus dieser Region, die aus Verzweiflung über die Judenpogrome in das gelobte Land geflüchtet sind und versuchten sich dort eine neue Existenz aufzubauen. Es wird außerdem erzählt, wie es Dov Landau und Karen Hansen Clement in den von den während der Naziherrschaft in Polen und Dänemark besetzten Länder erging. Dem Leser wird auf diese Weise in Grundzügen die Geschichte der europäischen Juden seit Ende des 19. Jahrhunderts vermittelt. Später wird das weitere Schicksal der Hauptpersonen vor dem Hintergrund der israelischen Staatsgründung geschildert.

Der Plan des Haupthelden Ari Ben Kanaan besteht darin, möglichst viele Flüchtlinge, darunter viele Waisenkinder, ins britische Mandatsgebiet Palästina zu bringen. Es gelingt ihm, das Schiff Exodus zu beschaffen und die Flüchtlinge gegen den Widerstand der englischen Bewacher an Bord und letztlich nach Palästina zu bringen. Diese Operation geschieht unter Aufsicht der Hagana.

Der dritte Teil des Buches spielt in Palästina, wo der Aufbau einer neuen Existenz und der Kampf gegen die britische Mandatsmacht und die Araber im Mittelpunkt der verschiedenen Handlungsstränge stehen.

Der vierte und fünfte Teil schildern die Gründung des Staates Israel am 14. Mai 1948 und Ereignisse aus dem darauf folgenden Krieg.

In vielen Ländern des Ostblocks, u. a. in der DDR, stand der Roman auf dem Index der staatlichen Zensurbehörden.[1] Einen historisch verlässlicheren Augenzeugenbericht von der Exodus 1947 lieferte Ruth Gruber in Die Irrfahrt der Exodus. Eine Augenzeugin berichtet. (wikipedia)
… (mais)
 
Assinalado
Hoppetosse1 | 65 outras críticas | Jan 22, 2024 |

Listas

Prémios

You May Also Like

Associated Authors

Estatísticas

Obras
49
Also by
5
Membros
19,358
Popularidade
#1,125
Avaliação
3.9
Críticas
262
ISBN
642
Línguas
18
Marcado como favorito
55

Tabelas & Gráficos