Página InicialGruposDiscussãoMaisZeitgeist
Pesquisar O Sítio Web
Este sítio web usa «cookies» para fornecer os seus serviços, para melhorar o desempenho, para analítica e (se não estiver autenticado) para publicidade. Ao usar o LibraryThing está a reconhecer que leu e compreende os nossos Termos de Serviço e Política de Privacidade. A sua utilização deste sítio e serviços está sujeita a essas políticas e termos.

Resultados dos Livros Google

Carregue numa fotografia para ir para os Livros Google.

Magdeburg, l'eretico: romanzo por Sergio…
A carregar...

Magdeburg, l'eretico: romanzo (original 2005; edição 2007)

por Sergio Altieri

MembrosCríticasPopularidadeAvaliação médiaDiscussões
486534,072 (2.85)Nenhum(a)
In the last half decade, the world has seen two devastating spikes in the price of food, and a third may be on the way. In 2008 and 2010, farmers gathered record wheat harvests, yet more people starved than ever before--and most of them were farmers. How is that possible? In Bet the Farm, Harper's magazine contributing editor Frederick Kaufman investigates the hidden connection between global food and global finance by asking the simple question: Why can't delicious, inexpensive, and healthy food be available to everyone on Earth? You will find his discoveries shocking. Like a detective intent on solving a mystery, Kaufman travels from the corporate headquarters of Domino's Pizza and Tyson Foods to Walmart's sustainability research center, to mega-farms and organic farms and numerous genetic modification laboratories. Kaufman goes to Rome to the meeting of the United Nations Food and Agriculture Organization, and finally ends up on Wall Street and the floor of the Chicago Mercantile Exchange, where he discovers the answer to the riddle. His investigation reveals that money pouring into the global derivatives market in grain futures is having astonishing consequences that reach far beyond your dinner table, including the Arab Spring, bankrupt farmers, starving masses, and armies of scientists creating new GMO foods with U.S. marketing and shipping needs in mind instead of global nutrition. Our food is getting less healthy, less delicious, and more expensive even as the world's biggest food companies and food scientists say things are better than ever and that the rest of us should leave it to them to feed the world. Readers of Bet the Farm will glimpse the power behind global food and understand what truly supports the system that has brought mass misery to our planet.… (mais)
Membro:TissieL
Título:Magdeburg, l'eretico: romanzo
Autores:Sergio Altieri
Informação:Milano, TEA, 2007
Coleções:A sua biblioteca
Avaliação:****
Etiquetas:old-books

Informação Sobre a Obra

L'eretico. Magdeburg por Alan D. Altieri (2005)

Nenhum(a)
A carregar...

Adira ao LibraryThing para descobrir se irá gostar deste livro.

Ainda não há conversas na Discussão sobre este livro.

Mostrando 1-5 de 6 (seguinte | mostrar todos)
Devo assolutamente rileggere questa trilogia. Me la ricordo fantastica. ( )
  TissieL | May 3, 2023 |
Non c'è dubbio, Alan D. Altieri sa scrivere; sa scrivere fottutamente bene! Ogni parola è calibrata, ricercata e pregnante e, nello stesso tempo, mai pesante e noiosa.
La Germania devastata dalla guerra dei trent'anni è descritta con brutale efficacia e i personaggi che la percorrono sono eccezionali nel loro tenersi in equilibrio tra credibilità storico-psicologica e fiction.
Essendo solo il primo libro di una trilogia, L'eretico, lascia solo presagire quale sarà la portata dell'intreccio, ma risulta ugualmente godibile e interessante. Insomma, una lettura consigliata.PS. da appassionato di Manga ho trovato in questo romanzo molte similitudini ad uno dei fumetti più belli di sempre, Berserk. Ignoro se l'autore conosca o meno l'opera di Kentaro Miura, ma è sempre interessante osservare come l'atmosfera letteraria e quella fumettistica si possano incontrare.
( )
  JoeProtagoras | Jan 28, 2021 |
"Sant’Iddio, quanto sono umidi i canali olandesi nella albe autunnali! Da qualche parte, oltre la cortina di nebbia che velava la diga, un sole incerto illuminava appena le sagome che procedevano lungo la strada verso la città che apriva le porte al mercato della mattina. Quel sole era un astro invisibile, freddo, calvinista ed eretico, indubbiamente indegno del nome che portava: una luce sporca, grigia, nella quale si muovevano carri di buoi, contadini con ceste di ortaggi, donne con il velo bianco in testa. Camminavo piano nella bruma con le bisacce a tracolla, stringendo i denti per non batterli dal freddo. Diedi un’occhiata al terrapieno della diga dove la nebbia si confondeva con l’acqua, e non vidi che tronchetti sparsi di giunco erba e alberi..."

Questo è l'incipit...

No, non di questo libro ma di un altro che tratta lo stesso tema e che, per caso, contemporaneamente sto leggendo...

"Emerse dalle tenebre. Memento e incubo. Un uomo in un mantello del colore delle ombre avanzò lungo la strada flagellata dalla pioggia del Giorno dei Morti. Superò i relitti di case sventrate, invase da erbacce sibilanti nel vento. L’aria era opaca, miasmatica. Vapori lividi si levavano dal lastrico delle pietre, disperdendosi contro nubi simili ad antracite liquefatta. Nessuna luce arriva sulla terra. Forse la luce aveva semplicemente cessato di esistere. Wolfengrad, Turingia. La guerra era passata quattro estati prima e poi ancora l’inverno prima. Troppi eserciti diversi un unico desiderio: macellarsi gli uni con gli altri. E macellare il resto, tutto, il resto. Solo un interludio nella demolizione. La guerra sarebbe tornata. La guerra era eterna..."

Ecco, questo è il suo incipit.
Nel confronto tra i due brani sta la differenza tra un romanzo storico ben scritto e credibile (primo) e un'altra cosa che è questo testo di Altieri. Il confronto giustifica anche l'abbandono della lettura.
A voi la scelta...Se volete una dritta sul primo cercate dalle parti di Alatriste..
( )
  icaro. | Aug 31, 2017 |
Il libro è la prima parte di un racconto fiume di oltre 1200 pagine che ci porta nel cuore d’Europa all’epoca della guerra dei 30 anni. Una lunga ‘introduzione’ serve per descrivere i vari personaggi e per immergere il lettore in un clima cupo, violento e sanguinoso che sarà il motivo conduttore dell’intero ciclo. Tutto il romanzo è ambientato goticamente in un novembre piovoso e freddo, non solo nella desolata Germania che ne è la protagonista, ma anche nell’Italia centrale di un corrottissimo Stato Pontificio, e solo lentamente emergono le figure degli antagonisti, il crudele difensore della fede Von Dekken e il misterioso Wulfgar, rinato in Oriente fra tatuaggi e arti marziali. Insomma, di tutto e di più, in linea con lo stile ad accumulazione di Altieri, di cui ricordavo con piacere l’inattendibile ma pirotecnico ‘Città Oscura’: malgrado la miriade di personaggi e la varietà di situazioni ed ambienti, il racconto prosegue appassionante e chi legge fatica a staccarsi dalla pagina. Nella seconda parte, quando le esigenze della storia prendono il sopravvento su quelle dell’ambientazione, la collezione di stupri e violenze assortite si assottiglia e il lettore, specie se impressionabile, può tirare il fiato; poi arriva il finale che, ovviamente, non ‘finisce’ nulla, ma rimanda alle puntate successive di questa cavalcata nel tempo dei ‘Promessi Sposi’ raccontato con tanto sudore, tante lacrime e tanto, ma tanto, sangue. ( )
  catcarlo | Oct 8, 2014 |
VOTO: 8,7E' un bel libro. Altieri scrive bene, con frasi brevi e dirette che evocano immagini altrettanto dirette. Descrive bene il carattere dei personaggi e il clima di guerra che fa da sfondo. Per chi ama Martin questo libro è consigliato (anche se ha meno personaggi e la trama è un po' meno avvincente. Ma questo è solo il primo di una trilogia)! Eppoi... uno che in Germania, durante la Guerra dei Trent'anni, nel 1630 va in giro ad ammazzare i rompicoglioni con una katana (daikatana, per la precisione) e un arco d'acciaio merita tutto il mio rispetto! ( )
  Malla-kun | Sep 22, 2012 |
Mostrando 1-5 de 6 (seguinte | mostrar todos)
sem críticas | adicionar uma crítica

Pertence a Série

Pertence à Série da Editora

Tem de autenticar-se para poder editar dados do Conhecimento Comum.
Para mais ajuda veja a página de ajuda do Conhecimento Comum.
Título canónico
Informação do Conhecimento Comum em italiano. Edite para a localizar na sua língua.
Título original
Títulos alternativos
Data da publicação original
Pessoas/Personagens
Locais importantes
Acontecimentos importantes
Informação do Conhecimento Comum em italiano. Edite para a localizar na sua língua.
Filmes relacionados
Epígrafe
Dedicatória
Primeiras palavras
Citações
Últimas palavras
Nota de desambiguação
Editores da Editora
Autores de citações elogiosas (normalmente na contracapa do livro)
Língua original
Informação do Conhecimento Comum em italiano. Edite para a localizar na sua língua.
DDC/MDS canónico
LCC Canónico

Referências a esta obra em recursos externos.

Wikipédia em inglês

Nenhum(a)

In the last half decade, the world has seen two devastating spikes in the price of food, and a third may be on the way. In 2008 and 2010, farmers gathered record wheat harvests, yet more people starved than ever before--and most of them were farmers. How is that possible? In Bet the Farm, Harper's magazine contributing editor Frederick Kaufman investigates the hidden connection between global food and global finance by asking the simple question: Why can't delicious, inexpensive, and healthy food be available to everyone on Earth? You will find his discoveries shocking. Like a detective intent on solving a mystery, Kaufman travels from the corporate headquarters of Domino's Pizza and Tyson Foods to Walmart's sustainability research center, to mega-farms and organic farms and numerous genetic modification laboratories. Kaufman goes to Rome to the meeting of the United Nations Food and Agriculture Organization, and finally ends up on Wall Street and the floor of the Chicago Mercantile Exchange, where he discovers the answer to the riddle. His investigation reveals that money pouring into the global derivatives market in grain futures is having astonishing consequences that reach far beyond your dinner table, including the Arab Spring, bankrupt farmers, starving masses, and armies of scientists creating new GMO foods with U.S. marketing and shipping needs in mind instead of global nutrition. Our food is getting less healthy, less delicious, and more expensive even as the world's biggest food companies and food scientists say things are better than ever and that the rest of us should leave it to them to feed the world. Readers of Bet the Farm will glimpse the power behind global food and understand what truly supports the system that has brought mass misery to our planet.

Não foram encontradas descrições de bibliotecas.

Descrição do livro
Resumo Haiku

Current Discussions

Nenhum(a)

Capas populares

Ligações Rápidas

Avaliação

Média: (2.85)
0.5 2
1 1
1.5
2 2
2.5
3 3
3.5
4 3
4.5
5 2

É você?

Torne-se num Autor LibraryThing.

 

Acerca | Contacto | LibraryThing.com | Privacidade/Termos | Ajuda/Perguntas Frequentes | Blogue | Loja | APIs | TinyCat | Bibliotecas Legadas | Primeiros Críticos | Conhecimento Comum | 205,943,742 livros! | Barra de topo: Sempre visível